Parchi italiani: dove Fido resta fuori dal cancello…

I nostri amici non posso accedere in diversi Parchi Nazionali italiani: vediamo nel dettaglio quali per non incorrere in brutte sorprese.

Consigli per i viaggiatori
Data di pubblicazione 3 April 2014

Prima di partire per la vostra sospirata vacanza in compagnia dell’amato cagnolino, è buona norma controllare sempre la meta, per verificare se anche lui può entrare, o se magari dopo centinaia di chilometri rischiate di trovarvi davanti un custode dalla faccia arcigna che vi vieta l’accesso. È ovviamente impossibile dare indicazioni su tutti i grandi parchi italiani, ma dopo aver raccolto alcune informazioni, possiamo dirvi dove i vostri cagnolini proprio non sono graditi.


Parco regionale del Serio, Seriate, Bergamo: i cani non possono assolutamente entrare, né al guinzaglio né in braccio. Il divieto è stato introdotto da pochi anni in seguito al comportamento poco civile di chi non raccoglieva lo sporco dei propri animali.


Villa Ghirlanda, Cinisello Balsamo, Milano: anche qui divieto totale di accesso per gli amici a quattro zampe.


Parco Regionale "La Mandria", Venaria Reale Torino: nessun animale domestico può entrare in questo parco meraviglioso, e anche in questo caso si tratta di un divieto che risale a pochi anni fa. All’interno sono presenti cascine e allevamenti e probabilmente il problema è legato a questo.


Parco del Gran Paradiso, Valle d’Aosta: ebbene sì, impossibile passeggiare per il parco con il vostro cane! Sono fatti salvo dall’esclusione cani “al lavoro”, cioè da pastore, da soccorso, per non vedenti o da sorveglianza.


Parco nazionale d’Abruzzo: altro luogo vietato ai cani, benché il regolamento del parco non ne parli in maniera esplicita. Una volta giunti sul posto però, innumerevoli cartelli di divieto mostrano una storia ben diversa.


Parco dei Monti Sibillini, Marche e Umbria: il regolamento dice esplicitamente che il cane è il miglior amico dell’uomo…ma non della fauna selvatica. Morale: niente cani in questi luoghi stupendi.


Parco regionale della Maremma, Grosseto, Toscana: nessun animale domestico è accettato all’interno del Parco.


Ricordate quindi di controllare in anticipo, perché i regolamenti ogni tanto vengono aggiornati e in poco tempo potreste trovare informazioni diverse. Fatelo però magari in maniera incrociata: visitate il sito del luogo prescelto e chiamate comunque per avere un’informazione. In ogni caso non cercate di aggirare la legge: una volta scoperti la vostra vacanza potrebbe rivelarsi più cara del previsto!

TI E' PIACIUTO L'ARTICOLO? CONDIVIDI CON I TUOI AMICI

Altri articoli dalla categoria Consigli per i viaggiatori

I più gustosi alimenti per cani Monge
La salute ed il benessere del tuo cane sono importanti. Per questo è necessario affidarsi a chi da anni opera nel settore alimentazione per animali da affezione.
Cani e bambini: quando la pet therapy fa miracoli
r
Iscriviti alla newsletter
Ti piacciono i nostri aggiornamenti?
Iscriviti alla newsletter e non perderne nemmeno uno!





Socializza con noi
           
Ultime dalla pagina Facebook