Cani e bambini: quando la pet therapy fa miracoli

r

Consigli per i viaggiatori
Data di pubblicazione 12 March 2015

Parlare del rapporto tra cani e bambini significa chiamare in causa anche la pet therapy, una disciplina la cui popolarità è forte di tantissimi casi di successo, che mostrano come gli animali che più di altri accompagnano le nostre vite siano in grado d’influire positivamente sulla vita di piccoli pazienti affetti da diverse patologie.
Un case history che sta facendo scuola negli ultimi mesi ci porta in Puglia, dove per il secondo anno consecutivo è stata avviata una sperimentazione presso il Centro di Neuropsichiatria della Asl di Foggia.
Le nuove attività del progetto ‘Pet Therapy: quando è l’uomo ad aver bisogno degli animali’ sono state presentate lo scorso 25 febbraio, nel corso di un evento che ha portato alla luce alcuni casi davvero importanti, come quello di tre bambini con difficoltà neurologiche, che grazie all’aiuto dei cani sono riusciti, dopo un iniziale insuccesso con gli approcci tradizionali, a deambulare autonomamente.
Dal 1953, anno in cui Boris Levinson ha scoperto l’influenza positiva che i cani possono avere sui bambini affetti da autismo, di strada ne è stata fatta tanta, con una progressione davvero sorprendente considerando i pochi decenni che sono passati da quando la pet therapy era considerata un trattamento innovativo, e non un’opzione che chiama in causa figure formate professionalmente.
La formazione è essenziale quando si parla di pet therapy, sia che la si applichi ai bambini, sia che l’approccio sia indirizzato a pazienti in età senile (a questo proposito posso citare un recente studio condotto dall’unità di ricerca in medicina dell’invecchiamento dell’Università di Firenze, che ha portato in luce gli effetti positivi del contatto prolungato con un barboncino e un golden su pazienti affetti da demenza senile, con correlate manifestazioni di ansia).
A Genova partirà a breve un master pilota in pet therapy, il primo in Italia ad avvalersi della collaborazione scientifica e didattica di tre dipartimenti universitari.
La pet therapy è un’alternativa efficacissima per migliorare il coordinamento psicomotorio e la fiducia nelle poprie capacità, due aspetti essenziali per una relazione di qualità con il mondo e con la propria persona, ‘mattoni’ importantissimi perché un bambino cresca sereno, e diventi un adulto equilibrato e consapevole del suo ruolo nel mondo.

TI E' PIACIUTO L'ARTICOLO? CONDIVIDI CON I TUOI AMICI

Altri articoli dalla categoria Consigli per i viaggiatori

I più gustosi alimenti per cani Monge
La salute ed il benessere del tuo cane sono importanti. Per questo è necessario affidarsi a chi da anni opera nel settore alimentazione per animali da affezione.
Cani e bambini: come iniziare una convivenza stimolante e formativa
I consigli (pratici) della psicologa per insegnare ai più piccoli a convivere con gli amici a 4 zampe
Iscriviti alla newsletter
Ti piacciono i nostri aggiornamenti?
Iscriviti alla newsletter e non perderne nemmeno uno!





Socializza con noi
           
Ultime dalla pagina Facebook